Siamo tutti in attesa della fatica Fase 2. Molte persone hanno preso questa come la fase del “via libera!” anche se purtroppo non sarà così.

sfonto-smartphone
Noi non vediamo l’ora di poterci muovere in questa direzione perchè siamo piene di idee da sviluppare e progetti. Ecco perchè durante questi giorni, guardando l’orologio, ci è venuto in mente che è proprio ADESSO il momento di ripartire con un nuovo spirito per questa Fase 2! Ne abbiamo fatto un reminder ogni volta che effettivamente guardiamo sul nostro telefono l’ora, e ne abbiamo realizzato uno sfondo smatphone che puoi scaricare QUI, l’attesa non sarà mai stata così creativa!

Ma cosa ci ha insegnato questo periodo di quarantena?

Dopo la fase di incertezza o meglio di incredulità di fronte ad una situazione che non ci saremmo mai immaginati potesse accadere, la reazione credo un po’ di tutti, è stata quella di adeguarsi alla situazione e cercare di trarne il meglio.

Ecco cosa abbiamo capito da questo periodo di pausa forzata:

1- Non c’è bisogno di correre SEMPRE. Le nostre giornate prima erano scandite dai nostri impegni. Eravamo arrivate ad avere così tante cose da fare, che quando ci mettevamo a letto la sera, ci sembrava di avere il fiato corto, come se avessimo appena finito di correre una maratona. La quarantena ci ha regalato il tempo, ma soprattutto la capacità di apprezzare il tempo da dedicare alle cose più banali, come leggere un bel libro.

2- Non è vero che non c’è tempo per cucinare, è che non hai voglia. Credo che tutti si siano cimentati in cucina, testimoni coloro che hanno cercato il lievito come se fossero dei minatori alla ricerca dell’oro. E credo che tutti abbiamo provato il profumo dei biscotti appena sfornati: una droga. Abbiamo scoperto di esserne capaci, a mangiare cose più salutari e spero che continueremo a farlo anche dopo.

3 – La creatività gioca in casa. Durante questi giorni una ha letto tantissimo, che è la cosa che le piace più fare nel tempo libero, ma ha anche disegnato, dipinto, costruito animaletti con la pasta di sale. L’altra ha fatto collage, cambiato cornici fotografiche, fatto dei poster per casa…insomma siamo tornate un po’ bambine e ci è piaciuto un sacco. Ognuno dovrebbe dedicarsi almeno un’ora a settimana, lasciando il telefono da qualche parte e tornando a colorare come fanno i bambini.

4- Le cose che contano. Hanno chiuso tutto, locali, ristoranti, centri commerciali. Questo ci ha fatto capire quali sono le cose di cui possiamo fare a meno (e no, non sono i libri che Nina continua ad ordinare online), ma senz’altro la cosa che più è mancata in questo periodo, non è stata la cena al ristorante, quanto poter vedere gli amici. Non è stato acquistare abiti nuovi, quanto poter pianificare il prossimo viaggio. Credo che sarà una cosa da tenere bene a mente!

5- Sport. Sono tutti podisti. Anche chi non ha mai corso, ha preso il cane e ci ha provato pur di uscire di casa. Una, da maratoneta, ha smesso. Perchè anche lo sport era diventato un dovere. Doveva fare sport almeno tre volte a settimana e ogni volta diventava sempre più pesante, perchè non ci andava più per divertirsi, per sfogarsi, ma solo per dovere. Ha ritrovato la voglia di vivere uno sport in maniera faticosa, solamente per il piacere di farlo. L’altra si è cimentata in allenamenti anche pericolosi tra l’arredamento di casa riuscendo però finalmente a farlo in orari che non per forza erano assurdi, tipo le 8 di sera, ma riuscendo a godersi anche la luce del giorno !

Insomma siamo in un periodo che sembra essere capodanno, siamo ricche di buone intenzioni, cariche di aspettative e piene di idee. Per questo letteralmente non vediamo l’ora che inizi la fase 2 che è il primo step per tornare ad una vita normale!
Se anche tu hai le tue buone ragioni per tornare ed essere diverso, allora ricordalo a te stesso tutti i giorni e scarica il nostro sfondo per il tuo smartphone, così da aspettare in maniera creativa.
Te lo abbiamo già detto? Lo trovi CLICCANDO QUI!